È arrivato il giorno dell'ultima partita del girone finale di qualificazione. Lo Shohoku fa i conti con la pesante assenza del coach Anzai e con la consapevolezza che non sono ammessi errori: perdere contro l'agguerritissimo Ryonan di Uozumi, Sendo e Fukuda significa rinunciare per sempre al sogno del campionato nazionale.

Condividi

Carrello